Sistema delle opposizioni alla riscossione dei crediti contributivi

di Daniela Carbone


foto

In un periodo in cui gli enti previdenziali (in particolare l’Inps) intensifica le azioni di accertamento della contribuzione previdenziale dovuta, per poi passare, in caso di “inattività” del contribuente all'accertamento subito, alla successiva fase della riscossione (di norma con avviso di addebito o cartella esattoriale),  si pone il problema dell’azione che deve proporre il “contribuente previdenzialeper accertare la sussistenza o meno del credito vantato dall'ente previdenziale.

    Al riguardo si evidenzia (come peraltro ben precisato dalla Corte di Cassazione con sentenza 13.8.2019 n. 21384), che il sistema di tutela giurisdizionale per tali fattispecie prevede la possibilità:

  1. di proporre opposizione all'avviso di addebito o al ruolo esattoriale per motivi attinenti al merito della pretesa contributiva ai sensi dell’art.24, comma 6, del d.lgs. n.46 del 1999, nel termine di 40 giorni dalla notifica della cartella esattoriale/avviso di addebito;
  2. di proporre opposizione ai sensi dell’art.615 cpc per questioni attinenti a fatti estintivi del credito sopravvenuti alla formazione del titolo (es., pagamento del debito, morte del contribuente, prescrizione del credito), davanti al giudice del lavoro nel  caso in cui l’esecuzione non sia ancora iniziata (art.615, comma 1, cpc), ovvero dinanzi al giudice dell’esecuzione se la stessa sia invece già iniziata (art.615, comma 2 ed art.618 bis cpc); l’opposizione contro l’intimazione di pagamento con la quale si deducano fatti estintivi del credito va, quindi, qualificata come opposizione all’esecuzione ex art.615 cpc e non agli atti esecutivi ex art.617 cpc;
  3. di proporre opposizione agli atti esecutivi ai sensi dell’art.617 cpc, nel termine di perentorio di 20 giorni dalla notifica del titolo esecutivo o del precetto per vizi formali del titolo ovvero della cartella di pagamento o avviso di addebito, davanti al giudice dell’esecuzione o a  quello del lavoro a seconda che l’esecuzione stessa sia già iniziata o meno.

Occorre evidenziare che la scadenza del termine (perentorio) per proporre opposizione a cartella di pagamento/avviso di addebito di cui all’art.24, comma 5, del d.lgs. n.46 del 1999, produce soltanto l’effetto sostanziale della irretrattabilità del credito contributivo, senza però determinare anche la c.d. conversione del termine di prescrizione breve del credito contributivo (quinquennale ex l.n.335/95) in quello ordinario decennale ai sensi dell’art.2953 cod.civ.

A seguito della riforma introdotta dall'art. 66 della L. 247/2012 i contributi previdenziali dovuti alla Cassa Forense, ai sensi dell'art. 19 della L. 576/1980, sono soggetti a prescrizione decennale.

Avv. Daniela Carbone Foro di Ascoli

Altri in PREVIDENZA

Potrebbe interessarti anche

  • Avvocati ed iscrizione alla gestione separata Inps

    Anche gli avvocati - con riferimento a periodi antecedenti l’entrata in vigore dell’art.21 della l. n.247/2012, in base al quale sussiste l’obbligo di iscrizione alla Cassa Forense per tutti gli avvocati iscritti all’albo professionale - che hanno esercitato, come seconda attività ed in forma non...

    Avv. Leonardo Carbone Avvocato
  • Obbligo di iscrizione alla gestione separata Inps

    La Corte di Cassazione, con sentenza n. 30345 del 18 dicembre 2017 ha affrontato in modo chiaro ed esaustivo la problematica dell’ambito di operatività dell’iscrizione alla gestione separata INPS, istituita dall’art. 2, comma 26, della l. n. 335/95, per quanto riguarda gli iscritti agli albi...

    Gioia RitaTelli
  • Il padre adottivo ha diritto all’indennità di maternità

    La Corte di Cassazione con la sentenza n,10282 del 27.4.2018 ha riconosciuto che il padre adottivo libero professionista ha diritto all’indennità di maternità in alternativa alla madre, anche quando questa vi ha rinunciato

    di Giancarlo Renzetti