Il termine di prescrizione dei contributi da versare alla Cassa Forense è decennale

di Marcello Bella

Stampa la pagina
foto

Stampa la pagina

 

Di tanto in tanto compaiono su alcune riviste telematiche articoli nei quali si afferma tout court l’applicabilità del termine di prescrizione quinquennale ai contributi previdenziali da versare alla Cassa Forense

Al fine di evitare di ingenerare preoccupazioni o finanche aspettative negli iscritti in ordine alla maturata prescrizione dei contributi, con conseguente proliferazione di contenzioso affatto evitabile, appare utile e necessario precisare .

La sentenza della Corte di Cassazione n. 13639 del 21 maggio 2019, citata in tali articoli a sostegno della propria tesi, si riferisce a contributi previdenziali riguardanti le annualità dal 1989 al 2000, come risulta evidente dalla mera lettura della motivazione della sentenza medesima, alle quali era effettivamente applicabile il termine di prescrizione quinquennale previsto dall’art. 3 della legge n. 335/1995 ratione temporis.

Allo stato, invece, opera l’art. 66 della L. n. 247/2012, che dispone che

la disciplina in materia di prescrizione dei contributi previdenziali di cui all’art. 3 della legge 8 agosto 1995, n. 335, non si applica alle contribuzioni dovute alla Cassa nazionale di previdenza e assistenza forense

Ne consegue che ora è nuovamente vigente in materia il primo comma dell’art. 19 della legge n. 576/1980, che stabilisce in dieci anni il termine prescrizionale per i contributi e ogni relativo accessorio dovuti dagli iscritti alla Cassa Forense. 

Ed infatti, la Corte di Cassazione si è pronunciata immediatamente dopo l’entra in vigore dell’art. 66 della legge n. 247/12, con la sentenza n. 6729/2013, nella quale ha sancito che “la nuova disciplina di cui all’art. 66 legge n. 247 del 2012 in materia di prescrizione dei contributi previdenziali dovuti alla cassa forense si applica unicamente per il futuro nonché alle prescrizioni non ancora maturate secondo il regime precedente” (conforme in termini: Cass., n. 18953/2014), confermando, pertanto, la cogenza del termine di prescrizione decennale.

La giurisprudenza successiva si è univocamente conformata al principio di diritto esposto. 

Avv- Marcello Bella – Dirigente Ufficio Legale Cassa Forense 

 

Altri in PREVIDENZA

  • Cassa Forense: benefici e agevolazioni per i neo iscritti

    L’art. 7 del Regolamento di attuazione dell’art. 21 commi 8 e 9 della Legge n. 247/2012, adottato da Cassa Forense ed in vigore dal 21.08.2014, prevede per gli avvocati ed i praticanti iscritti alla...

    Cassa Forense
  • La pensione di vecchiaia

    La riforma del sistema previdenziale forense, in vigore dal 1 gennaio del 2010, ha previsto un graduale aumento dei requisiti minimi di età e di contribuzione per fruire del trattamento di pensione di...

    di Agostino Maione
  • La copertura assicurativa Inail dei c.d. riders

    A decorrere dal 1 febbraio 2020 è esteso l’obbligo assicurativo Inail, ai lavoratori autonomi che svolgono l’attività di consegna di beni per conto altrui, in ambito urbano e con l’ausilio di...

    di Leonardo Carbone

Potrebbe interessarti anche

  • Convenzione polizza sanitaria - UniSalute 01.04.2019 - 31.03.2022

    Per il prossimo   triennio dall’1.4.2019 al 31.3.2022 Cassa Forense, a seguito di aggiudicazione di una gara    europea, ha stipulato con Unisalute S.p.A., in favore dei propri iscritti, la polizza sanitaria collettiva “grandi interventi chirurgici e gravi eventi morbosi” (c.d. Polizza Base).

    Dott. Santino Bonfiglio
  • Avvocati ed iscrizione alla gestione separata Inps

    Anche gli avvocati - con riferimento a periodi antecedenti l’entrata in vigore dell’art.21 della l. n.247/2012, in base al quale sussiste l’obbligo di iscrizione alla Cassa Forense per tutti gli avvocati iscritti all’albo professionale - che hanno esercitato, come seconda attività ed in forma non...

    Avv. Leonardo Carbone Avvocato
  • SOS AVVOCATI E SERVIZI: una app al servizio degli avvocati

    La presentazione della app SOS AVVOCATI E SERVIZI, nata da una proposta del Comitato Pari Opportunità dell’Ordine di Bologna e realizzata grazie al contributo messo a disposizione da Cassa Forense

    Comitato Pari Opportunità dell’Ordine degli Avvocati di Bologna