NEL MOMENTO DEL BISOGNO. LA POLIZZA LONG TERM CARE PER NON AUTOSUFFICIENTI DI CASSA FORENSE

di Giancarlo Renzetti

Stampa la pagina
foto

Garantire la sicurezza e il benessere degli iscritti in qualsiasi evenienza, soprattutto nel momento della difficoltà. È l'essenza stessa del welfare, fra i compiti più importanti di un ente di previdenza e assistenza come Cassa Forense.

E quale momento di maggior difficoltà se non quello della non autosufficienza?

A tutte le colleghe e i colleghi che si trovano in questa terribile condizione, e naturalmente alle loro famiglie, si rivolge Cassa Forense garantendo loro una rendita mensile disponibile in modo automatico e gratuito.

Per questo è stata rinnovata la Polizza Long Term Care (LCT) di Cassa Forense, sottoscritta fin dal 1 novembre 2016 con la compagnia Aviva SpA.

Parliamo di una copertura assicurativa importante, come detto gratuita ed automatica per tutti gli iscritti alla Cassa che, alla data di decorrenza della copertura assicurativa, non abbiano compiuto i 70 anni di età.

La polizza offre l’erogazione di una rendita mensile vita natural durante pari a € 1.200,00: un contributo sostanzioso che cerca in qualche modo di alleviare le difficoltà del professionista non autosufficiente e della sua famiglia.

Sul sito di Cassa sono riportate nel dettaglio le condizioni contrattuali della copertura assicurativa.

Ma intanto, cosa vuol dire essere in stato di non autosufficienza? Vuol dire trovarsi, a causa di una malattia, di infortunio o per perdita delle forze, per un periodo di tempo non inferiore a 90 giorni continuativi, in una condizione tale – presumibilmente in modo permanente – da aver bisogno dell’assistenza di un’altra persona per essere aiutati nello svolgimento di almeno 3 delle sei attività ordinarie della vita quotidiana.
Dunque

  1. la capacità di lavarsi nella vasca da bagno o nella doccia, di entrare e uscire dalla vasca o dalla doccia o la capacità di lavare in modo soddisfacente la parte superiore e inferiore del corpo in altro modo (radersi, pettinarsi, lavarsi i denti);
  2. la capacità di indossare e togliersi, allacciare e slacciare ogni tipo di indumento, compresi indumenti speciali o ausili adatti al tipo di disabilità dell’Assicurato, per la parte superiore o inferiore del corpo;
  3.  la capacità di bere usando un bicchiere e di mangiare il cibo preparato da altri usando un piatto;
  4. la capacità di andare in bagno e di mantenere un livello soddisfacente di igiene personale con l’impiego di ausili e di indumenti specifici;
  5.  la capacità di muoversi in casa da una stanza all’altra sullo stesso piano anche con l’ausilio di attrezzature tecniche;
  6.  la capacità di sedersi e di alzarsi da una sedia, di coricarsi e di alzarsi dal letto, di spostarsi da una sedia al letto e viceversa, anche con l’aiuto di ausili specifici.

Altri in ASSISTENZA

Potrebbe interessarti anche

  • I BILANCI DI CASSA FORENSE RESTANO POSITIVI

    I bilanci di Cassa Forense restano positivi ,l'esercizio chiuso al 31 dicembre 2021, registra il migliore risultato di sempre della Fondazione, in termini di avanzo di gestione (1.385 milioni contro i 1.000,1 milioni del 2020) ( +38,5%), e di consistenza del patrimonio netto, che raggiunge 15.217,1...

    Cassa Forense
  • CONVENZIONI CASSA FORENSE

    Le ultime convenzioni Cassa Forense sottoscritte in favore degli  iscritti : CONVENZIONE UTAX - CONVENZIONE NAMIRIAL - CONVENZIONE SOLE INVESTIGAZIONI E SICUREZZA – CONVENZIONE FCA ITALY  - CONVENZIONE INSIDE AGENCY

    Convenzioni Cassa Forense
  • NUOVA CONVENZIONE CON ITALO, LE TARIFFE SCONTATE AL 30%

    Convenzione Italo Cassa Forense: sconto del 30% sulle tariffe Corporate e la possibilità di viaggiare negli ambienti Salotto, Club e Prima

    Giancarlo Renzetti