BONUS 200 EURO PER GLI ISCRITTI DI CASSA FORENSE

di Giancarlo Renzetti

Stampa la pagina
foto

Il D.L. 50/2022 del 17.5.22 prevede, all’art.33, un’indennità una tantum di € 200,00 per i lavoratori autonomi e gli iscritti a Casse obbligatorie di Previdenza che abbiano avuto nel 2021 (dichiarazione 2022)un reddito complessivo non superiore ad € 35.000, al netto dei contributi previdenziali e assistenziali.

Nel computo del reddito sono esclusi: il reddito della casa di abitazione; arretrati sottoposti a tassazione separata e trattamenti di fine rapporto.

Il Decreto Aiuti Bis ha innalzato lo stanziamento per tale indennità a 600 milioni di euro per il 2022, di cui 95,6 milioni sono destinati agli iscritti alle Casse di Previdenza obbligatorie ex l.509/1994 e d.lgs. 103/1996.Tale stanziamento può ritenersi congruo rispetto alla platea dei soggetti interessati che potranno inoltrare la domanda fino al 30 novembre 2022.

Condizione per accedere all’indennità è l’aver effettuato, entro la data di entrata in vigore del DL 50/2022, 18 maggio 2022, almeno un versamento totale o parziale con competenza a decorrere dall'anno 2020.

Per ottenere tale indennità gli iscritti interessati dovranno presentare la domanda esclusivamente on line tramite il sito di Cassa, accedendo alla propria posizione personale.
Sarà possibile proporre la domanda a partire dalle ore 12.00 del 26 settembre fino al 30 novembre 2022.Con un’unica procedura sarà possibile accedere anche all’ ulteriore bonus di 150 € di cui al D.L. “Aiuti Ter” per coloro che abbiano un reddito complessivo 2021 non superiore a 20.000 €, sempre al netto.
Nel caso in cui il collega fosse iscritto anche all’Inps la domanda andrà presentata solo a quest’ultimo ente previdenziale.

L’istanza dovrà essere corredata da autocertificazione con cui l’iscritto dichiarerà:

  • di essere avvocato, non titolare di pensione;
  • di non aver percepito l’indennità ai sensi dell’art.31(lavoro dipendente) o art.32 (pensionato) del DL 50/2022;
  • di essere iscritto alla Cassa ante entrata in vigore DL 50/2022 del 18.5.2022;
  • di non aver presentato domanda ad altro ente previdenziale in caso di iscrizione a più enti.

Alla domanda per espressa previsione del Decreto dovrà essere allegata copia di un documento di identità e del codice fiscale.
L’indennità sarà corrisposta sulla base dei dati dichiarati dal richiedente e disponibili all’Ente, salvo successiva verifica.
Tale indennità non costituisce reddito ai fini fiscali, né ai fini della corresponsione di prestazioni previdenziali ed assistenziali; non può essere ceduta, né sequestrata o pignorata.

Altri in INFO CASSA

Potrebbe interessarti anche

  • RISCONTRO TARDIVO ALL’ESERCIZIO DEI DIRITTI: AVVOCATO AMMONITO DAL GARANTE PRIVACY

    Studi legali e GDPR: avvocato che riceve una richiesta di accesso ai dati relativi a un procedimento di cui il richiedente era parte in causa, quanto tempo ha per fornire riscontro all'istanza?

    Marco Martorana
  • Il valore del giuramento di avvocato

    La legge forense, approvata il 31 dicembre 2012 dal Parlamento italiano, ha previsto che l'impegno solenne (che ha sostituito il giuramento, che veniva reso dinnanzi una Corte od un Tribunale della Repubblica) venga assunto dinnanzi i Consigli dell'Ordine.

    Francesco Greco