DAL LAZIO LA PRIMA DISPOSIZIONE LEGISLATIVA CHE PROMUOVE LE AGGREGAZIONI PROFESSIONALI

di Antonino Galletti

Stampa la pagina
foto

Con il Collegato al bilancio della Regione Lazio è stata approvata la norma per il sostegno e la promozione dell'esercizio in forma associata e societaria delle attività professionali.

E' la prima disciplina specifica in Italia che si occupa in concreto del sostegno all’associazionismo tra professionisti con un importante investimento di 900 mila euro per il triennio 2021-2023. 

Si tratta di un risultato importante, frutto delle sollecitazioni e della costante interlocuzione col mondo ordinistico, che arriva dopo un percorso iniziato con l'approvazione di una mozione della quale è stata promotrice l'Avv. Eleonora MattiaPresidente IX Commissione Regionale (Lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio), che aggiunge un tassello importante al quadro di norme e strumenti che la Regione ha introdotto in questi anni per sostente i liberi professionisti (una categoria che nel Lazio rappresenta oltre 200 mila donne e uomini).

La disciplina regionale approvata prevede un Piano di interventi per la promozione dell’esercizio in forma societaria e associata delle attività professionali con l’obiettivo di favorire l’offerta di prestazioni qualificate e differenziate, nonché lo sviluppo della competitività territoriale.

Nel 2019, con la L. R. n. 6/ 2019 in materia di equo compenso, la Regione  Lazio era intervenuta in difesa della dignità del lavoro autonomo e per la valorizzazione delle competenze nella libera professione. 

Più recentemente – con l'approvazione della L. R. 7/2021 in materia di parità salariale – è stato previsto un focus specifico per le libere professioniste, tra le più colpite dai divari salariali, stabilendo, tra le altre misure, il principio dell’equilibrio di genere nell’affidamento di incarichi esterni da parte della Regione. 

Con la disciplina da ultimo approvata la Regione Lazio si pone come modello di riferimento nell'impegno al fianco della libera professione anche alla luce del forte impatto che la recente crisi ha avuto sulla categoria, aumentando, tra le altre cose, il gap generazionale e quello di genere.  

Tra i più colpiti dagli effetti della pandemia sul mercato del lavoro sono proprio i lavoratori autonomi, in particolare i giovani che si affacciano alla professione e le donne che già vivevano una condizione di strutturale disparità rispetto ai colleghi. 

Il rilancio dell'avvocatura e, più in generale delle professioni, non può che passare attraverso l'aggregazione tra professionisti e finalmente, dopo tanti dibattiti e promesse, è stato offerto dal legislatore regionale un segnale concreto che speriamo possa raccogliere in futuro anche maggiori contributi e soprattutto possa sollecitare interventi di maggiore impatto anche da parte del legislatore nazionale.

Avv. Antonino Galletti, Presidente COA di Roma

Altri in AVVOCATURA

  • ELEZIONI E GIUSTIZIA PENALE: I PARTITI A CONFRONTO

    In vista delle elezioni del 25 settembre, con le quali i cittadini italiani sono chiamati a scegliere la composizione del nuovo (più ridotto) Parlamento e, indirettamente, del nuovo Governo, la...

    Guido Stampanoni Bassi
  • UNIVERSITÀ, DA QUEST’ANNO È POSSIBILE LA DOPPIA ISCRIZIONE AI CORSI DI LAUREA

    Il Senato della Repubblica ha approvato, a larga maggioranza, il disegno di legge che abroga il divieto della “doppia laurea”, già votato all’unanimità alla Camera dei Deputati nel precedente mese di...

    Debora Felici
  • LA CERTIFICAZIONE UNI PER GLI AVVOCATI

    Per gli studi legali e per i commercialisti è ora disponibile una nuova certificazione di qualità. Alla ISO 9001 si affianca la certificazione UNI1610191 tarata sulle caratteristiche di uno studio...

    Giancarlo Renzetti - Debora Felici