Cfnews.it risponde

Inviaci una domanda

Sei un iscritto Cassa Forense e vuoi approfondire una tematica Previdenziale e Assistenziale? Seleziona la categoria di tuo interesse, inserisci il tuo codice meccanografico e il testo della domanda, utilizzando un massimo di 180 caratteri. Selezioneremo i quesiti più interessanti e pertinenti e pubblicheremo in questa sezione la risposta. Si precisa che le domande dovranno avere CARATTERE GENERALE, ai quesiti posti in termini PERSONALI non verrà data risposta e non potranno essere pubblicati. Per domande di tipo personale sulla propria posizione previdenziale, è sempre possibile contattare il nostro servizio di informazione al numero 06 51 43 53 40 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 e il sabato dalle ore 8.00 alle ore 13.00

Le nostre risposte

Stampa la pagina

Cerca la risposta ad un tuo quesito filtrando le risposte per categoria di appartenenza e/o inserendo una o più parole chiave.

30/01/2023
› PREVIDENZA

Dopo che viene accettata la domanda di riscatto per tutti i 5 anni del corso di laurea, e possibile ottenere una riduzione del numero di anni da riscattare?

Approvato per tutti gli anni richiesti l’onere di riscatto e l’eventuale piano di rateazione, qualora quest’ultimo non fosse onorato completamente, saranno riconosciuti validi ai fini del riscatto gli anni per i quali è stato corrisposto l’intero onere.

30/01/2023
› PREVIDENZA

Se la domanda per la pensione di vecchiaia anticipata viene inoltrata entro il 31 gennaio (decorrente quindi dal febbraio dello stesso anno), si devono versare anche i contributi minimi per l'ntero anno del pensionamento?

Per il principio di infrazionabilità, per le pensioni decorrenti dal 1 febbraio, restano dovute le contribuzioni minime. Dall’anno successivo alla maturazione del diritto a pensione, tali contribuzioni vengono meno; restano comunque dovuti il contributo di maternità e la contribuzione soggettiva e integrativa da calcolarsi nelle misure percentuali stabilite, in sede di autoliquidazione del modello 5.

30/01/2023
› PREVIDENZA

Depositata la domanda di pensione di vecchiaia, dopo quanti mesi viene accreditato l'assegno mensile?

Il tempo standard di completamento delle istruttorie di pensione di vecchiaia è fissato in 100 giorni solari, calcolati dalla data di protocollo della domanda alla data di delibera da parte della Giunta Esecutiva. Il tempo standard per la liquidazione della pensione di vecchiaia è fissato entro il mese successivo dalla data di delibera da parte della Giunta Esecutiva.

30/01/2023
› PREVIDENZA

La pensione in cumulo, anticipata, comporta la cancellazione dall'albo?

Il trattamento di pensione anticipata in cumulo non comporta la cancellazione dall’Albo.

30/01/2023
› ASSISTENZA

Ai fini dell'assistenza a familiare non autosufficiente è possibile partecipare al bando se il familiare non fa parte dello stesso stato di famiglia ma risiede al medesimo indirizzo in appartamento separato?

Possono beneficiare di quanto previsto all’art. 6 lettera b), del Regolamento dell’Assistenza, gli iscritti alla Cassa in regola con l’invio dei modd. 5, che assistano in via esclusiva un familiare (coniuge, figlio o genitore), non ricoverato a tempo pieno, con invalidità grave prevista dall’art. 3, comma 3, Legge 104/92. Ai fini dell’erogazione del contributo non è necessaria, pertanto, la convivenza tra l’iscritto e l’assistito.

30/01/2023
› ASSISTENZA

Ho fatto richiesta di indennità di maternità che mi è stata rigettata per non aver presentato l'istanza entro il termine perentorio di 180 giorni dalla data del parto. Posso chiedere l' esonero dei contributi minimi 2023 per la maternità?

Nella fattispecie rappresentata è possibile chiedere l’esonero del contributo minimo soggettivo 2023, fermo restando che l’esonero può essere richiesto nell’anno del parto o entro il secondo anno di vita del bambino. La procedura sarà attivata a breve all’interno delle singole posizioni personali nel sito della Cassa. In caso di esito positivo resta dovuto il contributo di maternità e la contribuzione percentuale, sia sul reddito che sul volume d’affari, da calcolarsi in sede di autoliquidazione del modello 5 dell’anno successivo a quello oggetto di esonero.

26/01/2023
› PREVIDENZA

INPS, con il recente mess. .4419 del 2022, ha consentito il doppio riscatto laurea a chi l’ha già riscattata in Cassa Forense o altre Casse.professionali. La Cassa Forense prevede di consentire l’inverso a chi ha già riscattato la laurea in INPS?

La  novità di cui al messaggio Inps  4419/2022 riguarda solo l’avvocato che ha già riscattato la laurea nella cassa professionale  e che potrebbe riscattare una seconda volta nell’Inps, ad esempio, per raggiungere il diritto ad una pensione autonoma nel regime Inps in aggiunta a quella presso la cassa previdenziale categoriale. Viceversa, se il riscatto è stato già richiesto presso l’Inps, non potrà essere richiesto in un secondo momento presso la Cassa Forense, essendo il periodo  già coperto da contributi presso l’Inps.  

24/01/2023
› PREVIDENZA

Ho pagato i contributi nella misura di 1/4, avendo i requisiti previsti dalla normativa, posso decidere anche dopo la cancellazione di integrare l'importo versato, così da vedermi riconosciuto un anno pieno di contribuzione anziché sei mesi? Ed eventualmente va fatta specifica istanza e/o comunicazione o basta pagare il bollettino generato nell'area riservata?

L’integrazione del contributo minimo soggettivo per i primi otto anni di iscrizione Albo/Cassa, al fine di avere il riconoscimento dell’intero anno previdenziale, è possibile anche dopo la cancellazione dagli Albi e dalla Cassa generando i bollettini presenti nella propria area personale il cui accesso rimane in essere.

10/01/2023
› PREVIDENZA

I contributi versati dall'avvocato pensionato di vecchiaia non cancellato dall'albo vengono utilizzati per ricalcolare la pensione?

L’art. 59 del Regolamento Unico della Previdenza Forense prevede che i pensionati di vecchiaia, che continuano nell’esercizio della professione, abbiano diritto ad una prestazione contributiva “una tantum” ( dal 2021 al 2,50%) sulla parte di reddito dichiarato, fino al previsto tetto pensionistico annuale. Ai fini del calcolo di tale prestazione non sono utilizzabili i redditi dichiarati antecedentemente al 2013. La prestazione viene liquidata, in unica soluzione, a domanda, alla cancellazione da tutti gli Albi Forensi ovvero, in caso di premorienza, su richiesta degli eredi.

10/01/2023
› PREVIDENZA

E' possibile continuare a pagare ratealmente l'onere per il riscatto degli anni di pratica anche successivamente alla cancellazione dagli Albi e quindi dalla Cassa?

La rateazione dell’onere di riscatto rimane attiva anche a seguito di cancellazione dagli Albi e dalla Cassa secondo il piano comunicato, a suo tempo, al professionista.