Cfnews.it risponde

Inviaci una domanda

Sei un iscritto Cassa Forense e vuoi approfondire una tematica Previdenziale e Assistenziale? Seleziona la categoria di tuo interesse, inserisci il tuo codice meccanografico e il testo della domanda, utilizzando un massimo di 180 caratteri. Selezioneremo i quesiti più interessanti e pertinenti e pubblicheremo in questa sezione la risposta. Si precisa che le domande dovranno avere CARATTERE GENERALE, ai quesiti posti in termini PERSONALI non verrà data risposta e non potranno essere pubblicati. Per domande di tipo personale sulla propria posizione previdenziale, è sempre possibile contattare il nostro servizio di informazione al numero 06 87 40 40 40 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 21.00 e il sabato dalle ore 8.00 alle ore 13.00

Le nostre risposte

Cerca la risposta ad un tuo quesito filtrando le risposte per categoria di appartenenza e/o inserendo una o più parole chiave.

› PREVIDENZA

La pensione di vecchiaia viene corrisposta anche dopo la cancellazione dall'albo degli Avvocati e, quindi, dalla Cassa Forense ?

I trattamenti pensionistici di cui all'art. 2 (pensione di vecchiaia), all'art. 7 (pensione di anzianità) e all'art. 8 (pensione di vecchiaia contributiva) del Regolamento delle prestazioni previdenziali di Cassa Forense, vengono erogati dalla Cassa al raggiungimento dei requisiti (anzianità angrafica e contributiva), anche ai cancellati dall'Albo e dalla Cassa.

› PREVIDENZA

E' giusto che l'Inps applichi il calcolo della perequazione della pensione sull'intero importo della stessa, atteso che il maggiore importo viene corrisposto dalla Cassa Forense - secondo il suo regolamento ed in piena autonomia e non secondo la legge dello Stato o di Bilancio - ed in minima parte dall'INPS,trattandosi di pensione in totalizzazione? I limiti della perequazione imposti dalla legge dello Stato non dovrebbe valere in questo caso solo per la quota corrisposta dall'INPS ?

Con riferimento alla problematica dell’applicazione, da parte dell’INPS, della perequazione sull'intero importo della pensione in totalizzazione, anche qualora vi sia quota di competenza della Cassa, si fa presente che l’art. 4 del d. lgs. N. 42/06, in materia di totalizzazione dei periodi assicurativi, prevede che la rivalutazione della pensione vada effettuata con i criteri applicati dall'ente pagatore, ossia l’INPS, come del resto da ultimo precisato proprio con circolare del detto istituto n. 122 del 27.12.2018. La convenzione tra la Cassa e l’INPS per l’erogazione delle pensioni in regime di totalizzazione, adottata il 14 marzo del 2007, si è adeguata a quanto espressamente previsto dalla normativa.

› INFO CASSA

Sono previste delle agevolazioni o contributi per i figli di avvocati che intraprendono lo studio universitario fuori dalla propria sede di residenza o comunque in relazione alle tasse da pagare ?

Valgono le regole generali che prevedono l'esonero, totale o parziale, dal pagamento delle tasse universitarie per ragioni di reddito Isee, merito e disabilità dello studente, nonché per il caso in cui lo studente sia figlio di un genitore titolare di pensione di inabilità (erogata da Cassa Forense quanto agli avvocati). Cassa Forense, inoltre, bandisce annualmente delle borse di studio per tutti i gradi di istruzione primaria, secondaria e universitaria, secondo criteri di reddito Isee e merito scolastico, di cui talune riservate agli orfani titolari di pensione indiretta o di reversibilità erogata dalla Cassa ed altre per i figli degli avvocati iscritti.

› PREVIDENZA

Il corso di laurea in giurisprudenza deve necessariamente essere riscattato per l'intera durata oppure è possibile il riscatto parziale, ad esempio di due anni? Se si interrompe il riscatto cosa succede ai contributi versati ?

L'iscritto, al momento della presentazione della domanda, deve indicare gli anni per i qual intende esercitare il riscatto, fino ad un massimo di nove tra quelli riscattabili (laurea, praticantato, servizio militare o civile sostitutivo). Se si opta per il pagamento rateale e si interrompono i versamenti annuali, i contributi già versati a titolo di riscatto, ove utili a "coprire" uno o più anni interi, vengono trattenuti dalla Cassa e gli oggetto di riscatto validati. L'eventuale eccedenza sarà restituita a richiesta dell'iscritto che, in ogni caso, può riproporre la domanda di riscatto.

› PREVIDENZA

Si può riscattare gratuitamente il servizio militare obbligatorio presso l'Inps e poi farlo valere presso la Cassa Forense ?

L’attuale normativa in materia previdenziale prevede che al raggiungimento dei requisiti pensionistici previsti dalla Cassa e dall’Inps, senza obbligo di esercitare una ricongiunzione onerosa, i contributi versati in Inps -compreso il riscatto agevolato- possano essere computabili ai fini del diritto a pensione in cumulo.

› PREVIDENZA

Quando un avvocato pensionato di vecchiaia si cancella, può richiedere indietro i contributi che ha pagato??

I pensionati di vecchiaia che si cancellano da tutti gli albi professionali e pertanto dalla Cassa, possono, a domanda, richiedere la prestazione contributiva di cui all’art. 13 del Regolamento per le Prestazioni Previdenziali.

› ASSISTENZA

L'indennizzo di cui all'art. 14 lett. a) del Reg. per l'Assistenza, risulta non cumulabile con altre prestazioni previdenziali o assistenziali erogate dalla Cassa; non è cumulabile nemmeno con il rimborso delle spese riconosciute dalla polizza sanitaria base per un grande intervento chirurgico?

E' possibile richiedere l'assistenza indennitaria ex art. 14 lett a) anche se si beneficia del rimborso spese sanitarie riconosciute dalla polizza base.

› PREVIDENZA

Sono un avvocato residente in Inghilterra. sono obbligata a versare i contributi alla cassa forense comunque? e se sì, sono deducibili o ci sono documenti che lo comprovano da fornire al commercialista inglese?

Le Regole comunitarie in materia di sicurezza sociale previste dai regolamenti CEE 883/2004 e 987/2009 sono valide anche per l’Inghilterra fino a diversa disposizione adottate a seguito della Brexit. Quindi l’iscritto in un Albo Forense italiano può essere esonerato dall’iscrizione alla Cassa in presenza solo della documentazione prevista dai predetti regolamenti (MOD A1). Il quesito in merito alla deducibilità in Inghilterra dei contributi versati Italia dovrebbe essere posto ad un commercialista inglese. Comunque è da tenere conto che la normativa previdenziale prevede che un lavoratore autonomo che esercita in più Stati può essere sottoposto ad una sola legislazione previdenziale

› ASSISTENZA

Ci sono delle convenzioni per l'erogazione di mutuo per l'acquisto prima casa e, eventualmente, come accedervi?

Sul portale convenzioni del sito Cassa Forense, questo indirizzo http://convenzioni.cassaforense.it/servizi-bancari-e-assicurativi/, è possibile visualizzare tutte le convenzioni che riguardano mutui ipotecari e finanziamenti.

› PREVIDENZA

Qual è l'importo dei contributi obbligatori da pagare per il 2019 da parte di un avvocato che gode di pensione di vecchiaia contributiva decorrente dal 01.01.2019, ancora in attività e quindi ancora iscritto alla Cassa Forense ?

Il pensionato di vecchiaia contributiva con decorrenza 01/01/2019 è tenuto per il medesimo anno a versare a titolo di contributo minimo il solo contributo di maternità. Tale contributo, in fase di determinazione, dovrà essere pagato o tramite bollettino mav con scadenza 30/09/2019 o tramite trattenuta dalla pensione previo invio della apposita modulistica disponibile nel sito della Cassa. Dal mod. 5/2020 i contributi in autoliquidazione saranno dovuti direttamente alla Cassa nelle rispettive misure del 7,25% (dal 2021 7,5%) fino al tetto annuale stabilito e del 3% per la parte eccedente tale tetto a fronte del reddito netto professionale IRPEF e del 4% a fronte del volume d'affari IVA dichiarati.