Cfnews.it risponde

Inviaci una domanda

Sei un iscritto Cassa Forense e vuoi approfondire una tematica Previdenziale e Assistenziale? Seleziona la categoria di tuo interesse, inserisci il tuo codice meccanografico e il testo della domanda, utilizzando un massimo di 180 caratteri. Selezioneremo i quesiti più interessanti e pertinenti e pubblicheremo in questa sezione la risposta. Si precisa che le domande dovranno avere CARATTERE GENERALE, ai quesiti posti in termini PERSONALI non verrà data risposta e non potranno essere pubblicati. Per domande di tipo personale sulla propria posizione previdenziale, è sempre possibile contattare il nostro servizio di informazione al numero 06 87 40 40 40 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 e il sabato dalle ore 8.00 alle ore 13.00

Le nostre risposte

Stampa la pagina

Cerca la risposta ad un tuo quesito filtrando le risposte per categoria di appartenenza e/o inserendo una o più parole chiave.

18/10/2021
› PREVIDENZA

Mi è pervenuta la comunicazione con la richiesta del debito per contribuzione scaduta, da versare entro il 31/10/2021, posso versare con F24 o tramite PagoPa?

No, per questa tipologia di richiesta di somme dovute, ai fini dell’ammissione all’esonero parziale, si raccomanda di utilizzare esclusivamente le modalità di bonifico bancario indicate nella pec della Cassa ed entro il termine del 31/10/2021.

18/10/2021
› PREVIDENZA

Sono l’erede di un Avvocato iscritto alla Cassa, posso chiedere l’esonero parziale D.M. 82/2021?

La questione non è chiarita a livello normativo. Stando ad una interpretazione letterale sembrerebbe di no, in quanto il beneficio di cui all’esonero parziale deve essere richiesto dal professionista iscritto alla Cassa.

18/10/2021
› PREVIDENZA

Ho ricevuto una pec con la quale mi comunicate un debito per contributi scaduti, da versare entro il 31/10/2021, posso procedere alla rateazione ed essere ammesso all’esonero contributivo?

No, in quanto ai fini dell’ammissione all’esonero parziale di cui al D.M. del 175/2021, deve sussistere il requisito della regolarità contributiva entro il 31/10/2021, così come disposto dall’art. 47 bis del D.L. 73/2021, convertito con modificazioni con legge 106/2021. Si precisa che nella richiesta del debito, comunicato tramite pec, restano escluse al momento, le sanzioni, gli interessi, e le somme per le quali sia già in corso una rateazione non ancora scaduta o una iscrizione a ruolo. Una eventuale richiesta di rateazione è possibile ma preclude l’accesso al beneficio dell’esonero.

04/10/2021
› PREVIDENZA

Sono un iscritto alla Cassa ed esercito la professione esclusivamente in forma individuale e in regime forfettario, cosa devo considerare quale fatturato, per capire se ho i requisiti per l’inoltro della domanda di esonero parziale?

Per coloro che sono in regime forfettario, il decreto non riporta alcuna specifica, tuttavia si ritiene che per i professionisti che esercitano esclusivamente in forma individuale e che adottano il regime fiscale ai fini della determinazione del calo del fatturato di almeno il 33%, andranno confrontati i componenti positivi di cui ai righi LM22-27 colonna 3 della Dichiarazione 2021 con gli analoghi riferimenti della Dichiarazione 2020. Si aggiunge a titolo puramente informativo che l’AdE, con risoluzione n. 5/E del 14/5/2021, in occasione del Decreto Sostegni – contributo a fondo perduto che utilizza una terminologia analoga, ha fornito dei chiarimenti sulla modalità di calcolo della riduzione del fatturato per gli anni 2019/2020, che potrebbero costituire un valido precedente

01/10/2021
› PREVIDENZA

Sono un avvocato iscritto alla Cassa, e percepisco anche la pensione di reversibilità di mia moglie, posso inoltrare la domanda di esonero?

Si, in quanto il D.M. esonero esclude solo i titolari di pensione diretta, con esclusione della invalidità. La pensione di reversibilità rientra, viceversa, tra le pensioni c.d. “indirette” ed è, quindi, compatibile con la domanda di esonero sussistendo le altre condizioni previste dalla legge.

01/10/2021
› PREVIDENZA

Con riferimento alla domanda di esonero dei contributi soggettivi per il 2021, sussiste qualche incompatibilità con le cariche politiche ricoperte che comportano la percezione di un reddito assimilato a quelli da lavoro dipendente?

Fermo restando le determinazioni finali in sede di controlli spettanti ad altre autorità, a parere di questo Ente il reddito assimilato a lavoro dipendente non consente di ottenere il diritto all’esonero, se relativo all’intero anno solare 2021.

01/10/2021
› INFO CASSA

Nel caso di scelta di iscrizione a ruolo dei contributi relativi all'anno 2020 come viene calcolata la posizione retributiva ai fini della richiesta di esonero per l'anno 2021?regolare o no?

In tal caso le somme saranno richieste a ruolo, e la posizione contributiva per l’anno 2019 – Mod.5/2020 viene considerata regolare, in quanto si tratta di contributi non ancora scaduti.

01/10/2021
› INFO CASSA

Sono iscritta alla Cassa Forense dal 2018 (anno di iscrizione all'Albo) ma ho avviato l'attività nel 2020 (come dimostrato dall'apertura di regolare p.iva) 8. Ho diritto all'esonero contributivo?

Se non ha subito il calo del fatturato o dei corrispettivi nell’anno 2020 non inferiore al 33% rispetto a quelli dell’anno 2019, non potrà inoltrare l’istanza di esonero.

01/10/2021
› PREVIDENZA

Buongiorno, se il calo del fatturato è pari al 32,91 per cento, si considera comunque pari al 33%?

Il D.M. esonero prevede che il professionista autodichiari di aver subito un calo del fatturato o dei corrispettivi nell’anno 2020 non inferiore al 33% rispetto a quelli dell’anno 2019. Successivamente Cassa Forense trasmetterà l’elenco dei soggetti, ai quali è stato concesso l’esonero, all’AdE e all’Inps per le informazioni e i controlli di legg

01/10/2021
› PREVIDENZA

il requisito del reddito inferiore a 50.000,00 euro deve essere considerato in capo allo studio associato o al singolo avvocato associato?

Il D.M. esonero prevede che il singolo professionista interessato deve aver conseguito nell’anno d’imposta 2019 un reddito professionale non superiore a 50.000 euro. In caso di studio associato o società bisogna far riferimento alla quota di fatturato di competenza.