Ultima chiamata per il Bando di Cassa Forense in scadenza il 28 febbraio 2020

Stampa la pagina
foto

Alle ore 24.00 del 28 febbraio 2020 scadrà il termine per poter presentare le domande per partecipare al Bando per progetti di sviluppo economico dell’Avvocatura.

I progetti devono beneficiare gli iscritti alla Cassa Forense e dovranno essere focalizzati sui seguenti Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS/SDGs)  previsti nell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite:  buona salute e benessere per le persone, educazione paritaria e di qualità, parità di genere, buona occupazione e crescita economica, innovazione e infrastrutture, ridurre le diseguaglianze, città e comunità sostenibili, pace e giustizia, rafforzare le modalità di attuazione e rilanciare il partenariato globale per lo sviluppo sostenibile.

Per la partecipazione ai Bandi è obbligatorio essere in regola con gli obblighi di rendicontazione dei contributi ricevuti in virtù dei precedenti bandi.

Si riportano i dati essenziali del Bando in scadenza:

BANDO n. 14/2019 per lo sviluppo economico dell'Avvocatura (Art. 14 lett. a7 Reg. Assistenza) 

Possono partecipare al bando: Consigli dell’Ordine Avvocati; Associazioni forensi maggiormente rappresentative e specialistiche; Comitati Pari Opportunità degli Ordini o delle Associazioni;  Fondazioni forensi presso CNF, presso COA o presso Unioni di COA.

I partecipanti del bando devono essere titolari di codice fiscale o partiva Iva.

I progetti possono essere corsi di formazione di alta specializzazione o caratterizzarsi per l’utilizzo di nuove funzionalità/nuove applicazioni informatiche, digitali, tecnologiche.

I progetti devono individuare il target SDGs che intendono conseguire tra quelli sopra indicati.

Il contributo per ciascun progetto, erogato in due tranche, 60% all’approvazione del progetto e 40% all’esito dell’esame della rendicontazione finale del progetto, non può superare € 25.000,00

Non può partecipare chi, avendo percepito il contributo in forza del bando sviluppo Avvocatura anno 2016 e dei bandi sviluppo Avvocatura n. 12/2017 e n. 13/2017, non abbia adempiuto nei termini agli obblighi di rendicontazione.

Chi ha adempiuto a tali obblighi invece, pur avendo ricevuto tali contributi, può partecipare ma nella graduatoria finale sarà postergato rispetto a chi presenti la domanda per la prima volta.

I progetti devono essere realizzati entro il termine di un anno dalla comunicazione di approvazione degli stessi, pena la revoca del finanziamento.

Per tale bando è stato previsto uno stanziamento complessivo di € 950.000,00. 

La domanda deve essere inviata  esclusivamente a mezzo PEC a bandi@cert.cassaforense.it 

Per ogni ulteriore informazione su tali bandi e sulle altre misure di welfare per la professione, la salute e famiglia consultate il sito 

Avv Giancarlo Renzetti Delegato Cassa Forense Lazio

Altri in ASSISTENZA

  • Emergenza COVID-19. Le novità sugli ammortizzatori sociali

    Il Governo, al fine di fronteggiare le conseguenze derivanti dall'emergenza epidemiologica da Covid-19, è intervenuto con misure speciali in materia di trattamento ordinario di integrazione salariale...

    di Lucia Casella e Giovanni Scudier
  • Convenzioni Cassa Forense

    Cassa Forense ha sottoscritto una convenzione in favore degli  iscritti con Signal investigazioni, relativa ai servizi di indagine e investigazione, GPM Enterprises e Iris, per l’acquisto di...

    Convenzioni Cassa Forense
  • La Polizza Long Term Care (LTC) di Cassa Forense

    Per gli iscritti a Cassa Forense garantita – in modo automatico e gratuito - rendita mensile in caso di non autosufficienza Il tema della non autosufficienza ricopre un ruolo centrale nell'ambito del...

    di Simone Lanzidei