La mediazione nell'opposizione a decreto ingiuntivo la questione alle sezioni unite

di Andrea Melucco


foto

La Suprema Corte è tornata ad affrontare la questione della parte onerata della introduzione del procedimento di mediazione nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo e la conseguenza della sua mancata introduzione.

Con ordinanza 16 settembre 2019 n.23003, la sesta sezione della Corte ha confermato che l’onere grava sull'opponente e che il mancato esperimento del procedimento di mediazione ha come conseguenza l’improcedibilità dell’opposizione e la definitività del decreto ingiuntivo opposto.

La Corte conferma i principi dell’unico precedente 2015, n.24629:

la ratio della norma deve essere interpretata in conformità al principio della ragionevole durata del processo, sulla quale può incidere negativamente il giudizio di merito che l’opponente ha interesse ad introdurre

  • la procedibilità deve essere collegata alla formale introduzione del giudizio di merito - mediante la notifica dell'atto di opposizione - in ragione della logica deflattiva del processo cui tende il meccanismo conciliativo;
  • grava sulla parte che promuove il giudizio di opposizione  l'onere di assolvere tale condizione di procedibilità;
  • in caso di mancato assolvimento di tale condizione di procedibilità  sarà l’opposizione a rimanere travolta dalla declaratoria di improcedibilità.

La pronuncia si segnala anche per un sostanziale obiter dictum relativo alla natura perentoria del termine di opposizione “che, in difetto di espressa norma di legge, non viene ad essere sospeso dalla proposizione della istanza di mediazione divenendo definitivo ed irrevocabile il decreto di condanna in caso di omessa attivazione dell'opponente”, che  si pone in aperto contrasto con orientamenti di merito e di legittimità  Cass. 2019/2273 e  Cass.  Sez. Unite 2013/17781.

La questione non può considerarsi definitivamente risolta perché con ordinanza interlocutoria 12 luglio 2019 n.18741 la terza sezione della Cassazione  ha ritenuto la necessità che la questione sia risolta dalle Sezioni Unite.

Avv. Andrea Melucco – Foro di  Roma

Altri in DIRITTO

Potrebbe interessarti anche

  • La rappresentanza in mediazione: quali le forme dopo Cass. 27 marzo 2019 n.8473 ?

    Con la sentenza in commento la Suprema Corte ha per la prima volta affrontato la questione se, nel procedimento di mediazione (obbligatoria), la parte che propone la mediazione sia tenuta a comparire personalmente davanti al mediatore, affinché il tentativo si possa ritenere compiuto, o se la stessa...

    Avv. Andrea Melucco
  • In mediazione la partecipazione è necessaria ma delegabile

    Con la sentenza 8473/2019 del 17/03/2019 la Cassazione Civile Sezione Terza ha enunciato i seguenti principi di diritto: - nel procedimento di mediazione obbligatoria ex d.lgs. n 28 del 2010 è necessaria la comparizione personale delle parti davanti al mediatore, assistite dal difensore...

    Avv. Giancarlo Renzetti
  • Riforme in Itinere: il ddl Pillon e l'oblio della Giurisdizione

    Volge al termine l’esame in Senato del DDL S.735 del 2018, cd “Pillon”(e gli altri affini n.45, 118 e 768) in materia di “affido condiviso, mantenimento diretto e garanzie di bi- genitorialità”

    Avv. Ida Grimaldi